Schorseneren

Ingrediënten

  • 1 biologische citroen
  • 600 gr schorseneren
  • 3 eetlepels extra vergine olijfolie
  • Zout en peterselie

Bereiding

Neem een paar dunne reepjes van de citroenschil en pers de sap eruit. Neem een kom vol water met 2 eetlepels citroensap. Schil de schorseneren onder stromend water en dompel ze meteen onder in het citroenwater.

Snijd in lange dunne stukjes van ca 10 cm. Halveer of snijd de grootste stukken in kwarten. Breng de schorseneren aan de kook in het zure en zoute water. Kook het 10-15 minuten totdat ze zacht zijn. Giet af en laat uitlekken.

Verwarm de reepjes van de citroenschil in de olie. Voeg de schorseneren toe en bak ze op middelhoog vuur voor ongeveer 5 minuten. Hak de peterselie fijn en strooi over de groenten. Zout en peper toevoegen.

La scorzonera

Dopo anni di oscurantismo gastronomico, in cui era praticamente scomparsa dalle tavole e dai mercati, la scorzonera sta tornando prepotentemente alla ribalta, ma cos’è la scorzonera?

All’aspetto la scorzonera è simile al topinambur – appartengono alla stessa famiglia, quella delle Asteracee, insieme a carciofo e radicchio – ma più lunga e sottile. Ha una spessa pelle marrone e una polpa color crema. Viene coltivata anche nel Nord Italia, specialmente in Liguria e Piemonte, dove è nota come “asparago d’inverno”. La scorzonera ha un sapore intenso e leggermente amarognolo – che molti paragonano addirittura alle ostriche. Possiede solo 20 calorie per cento grammi ed è ricca di vitamine, fibre e sali minerali: i suoi valori nutrizionali ci spingono decisamente a consumarla.  Come qualsiasi radice, la scorzonera va pulita benissimo e rigorosamente pelata.

Attenzione: se la pelate molto prima di utilizzarla mettetela a bagno in acqua e limone per prevenire l’ossidazione. Non dimenticare di usare i guanti di latice.

Scorzonera al salto

Ingredienti

  • 1 limone bio
  • 600 gr scorzonera
  • 3 cucchiai olio extra vergine di olive
  • qb sale e prezzemolo

Preparazione

Prelevate delle striscioline fini dalla scorza del limone e spremete il succo. Preparate una scodella piena d’acqua con 2 cucchiai di succo di limone. Pelate la scorzonera sotto l’acqua corrente e immergetela subito nell’acqua e limone.

Tagliate a tronchetti lunghi ca. 10 cm. Dimezzate o tagliate in quarti per il lungo le radici più grosse. Portate a bollore la scorzonera nell’acqua acidulata e salata. Fate cuocere per 10-15 minuti finché risulta morbida. Scolate e lasciate sgocciolare.

Scaldate le striscioline di scorza di limone nell’olio. Aggiungete la scorzonera e fatela saltare a fuoco medio per ca. 5 minuti. Tritate il prezzemolo e cospargete sulla verdura. Salate e pepate.

Cruciverba 30

Klik op het kruiswoord om hem te openen.
De oplossing vind je in de volgende nieuwsbrief!

cruciverba1

Orrizontale Verticale
1. Qui puoi acquistare un delizioso panino italiano con molti
condimenti.
4. È un negozio principalmente dedicato alla vendita di salumi,
formaggi e prodotti gourmet.
6. Artigiano che fabbrica e ripara scarpe.
7. In questo negozio vendono attrezzi, serrature, viti e chiodi;
tutto è fatto di ferro.
10. Un negozio specializzato in carne, come quello di Dario
Cecchini.
14. Passare da un negozio all’altro per fare acquisti (o
semplicemente per curiosare).
18. Vendita a prezzi scontati inizio gennaio e inizio luglio.
20. Gli italiani prenotano qui le loro vacanze. [7,6]
21. Questa è una formula in cui il negozio è affiliato a una catena
di vendita al dettaglio ma opera in modo indipendente.
22. Gli articoli, principalmente marchi di qualità o marchi noti,
sono offerti in vendita in questi negozi a prezzi inferiori.
23. Si tratta di un negozio fai da te relativamente grande che
vende cibo e articoli per la casa.
24. In questo negozio puoi acquistare panini, ciabatte e focacce.
25. Venditore di frutta e verdura.
26. Gli uomini vengono tagliati e rasati da lui.
Verticale
1. E’ qui che devi comprare il pesce spada fresco, o lo sgombro,
o il tonno o il merluzzo.
2. Qui puoi acquistare un Barolo, un Brunello o un Amarone.
3. È un punto vendita in una piazza o in una strada dove i
venditori vendono le loro merci.
5. Questo è l’unico negozio dove puoi acquistare dei fiammiferi.
8. Questo negozio è solo un esercizio temporaneo, che può
durare da pochi giorni a poco più di un mese; l’obiettivo è
creare un evento momentaneo unito a un messaggio
duraturo. [7,1,5]
9. Ordino sempre i seguenti gusti qui: pistacchio, nocciola e
frutti di bosco.
11. In questo negozio vendono carta, buste e articoli di
cancelleria. Possono persino fare una fotocopia per te.
12. Questo barbiere lavora principalmente con i capelli delle
donne.
13. Questo è un luogo in cui vengono vendute e talvolta prodotte
le medicine.
15. Per il mio compleanno compro qui una torta e dei biscotti.
16. Questo è un sito web in cui i prodotti sono offerti in vendita.
[7,6]
17. Un piccolo edificio, situato lungo la strada o in piazza,
destinato alla vendita di giornali e riviste. Il più antico si trova
a Mantova e risale al 1882.
19. Negozio utilizzato per la vendita di libri, riviste e altro
materiale informativo.

Rabarbertaart

De rabarbertaart is een klassieker onder de zoetigheden op basis van rabarber. Deze taart is kenmerkend door zijn zoete en tegelijkertijd wat bittere smaak. Bij de zure tonen van de rabarber past de toevoeging van suiker perfect, waardoor de taart mooi in balans is qua smaak en er ook zeer smakelijk uit ziet. De rabarbertaart kan geserveerd worden met vanille-ijs of banketbakkersroom met een aroma van citroen en kan zowel als ontbijt of als tussendoortje geserveerd worden.

Ingrediënten

  • 250 gr bloem
  • 130 gr boter
  • 200 gr suiker
  • 4 eierdooiers
  • 1 biologische limoen
  • 200 ml melk
  • 1 vanillestokje
  • 250 gr rabarber-compote

Bereiding

Meng in een grote kom het meel met de in blokjes gesneden koude boter tot er een zanderige massa is verkregen. Voeg 100 gr. suiker, 1 eidooier en de geraspte citroenschil toe en kneedt dit tot een glad compact mengsel. Bedek het met huishoudfolie en laat 30 min. rusten in de koelkast.
Neem het deeg en rol het met een deegroller op een licht met bloem bestoven werkblad uit tot het een dikte van ongeveer 1 cm heeft bereikt. Vet een bakblik in met boter en bloem en bedek deze met het deeg. Vul dit gelijkmatig op met de rabarber-compote en decoreer dit kruislings met repen van het overgebleven deeg. Bak het circa 40 min. in een op 180°C voorverwarmde oven.
Meng in een pannetje de melk met het in tweeën gesplitst vanillestokje. Klop in een aparte kom met een garde de resterende 3 eierdooiers met 100 gr. suiker totdat er een volle, gladde crème is ontstaan. Verwijder het vanillestokje uit de melk en voeg de melk aan de eierdooiers toe. Doe het mengsel in een kom en laat het au bain-marie indikken. Serveer deze crème samen met de taart.

Rabarbaro

Il rabarbaro è una pianta erbacea perenne che cresce spontanea in Europa e in Asia e che può essere anche coltivata nell’orto. In Italia è poco conosciuto, infatti la prima volta che l’ho trovato non sapevo di dover usare i guanti per cucinarlo ed ho avuto le mani rosse per giorni! 
 
Fin dall’antichità il rabarbaro veniva utilizzato sia a scopo ornamentale che a scopo medicinale soprattutto nelle popolazioni asiatiche con particolare riferimento alla Cina e alla Mongolia.  Di solito si utilizzano le coste e i piccioli fogliari carnosi come ingredienti culinari, mentre l’utilizzo delle foglie viene sconsigliato per il loro elevato contenuto di acido ossalico. Per quanto riguarda fitoterapia e erboristeria, l’attenzione si rivolge al rizoma del rabarbaro che viene considerato molto utile per regolare la digestione, con particolare riferimento alla secrezione dei succhi gastrici e della bile. In generale la medicina naturale considera il rabarbaro come un ottimo rimedio per migliorare le funzioni digestive e intestinali, se la sua assunzione è ben dosata.

Crostata al rabarbaro

Un classico tra i dolci a base di rabarbaro! Questa crostata si caratterizza per un sapore dolce e al tempo stesso leggermente amarognolo: le note acidule del rabarbaro infatti contrastano perfettamente l’aggiunta dello zucchero dando vita ad un dessert bilanciato nel sapore e appetitoso nell’aspetto. La crostata al rabarbaro può essere accompagnata con del gelato alla vaniglia o una crema pasticcera aromatizzata al limone ed essere servita sia a merenda che a colazione.

Ingredienti

  • 250 gr farina
  • 130 gr burro
  • 200 gr zucchero
  • 4 tuorli
  • 1 limone bio
  • 200 ml latte
  • 1 stecca vaniglia
  • 250 gr marmellata di rabarbaro

Preparazione

In una ciotola capiente mescolate la farina con il burro freddo tagliato a tocchetti fino a ottenere un composto sabbioso. Unite 100 g di zucchero, un tuorlo, la scorza del limone grattugiata e impastate fino ad ottenere un composto liscio e compatto. Ricopritelo con pellicola per alimenti e riponetelo in frigorifero per 30 minuti.
Prendete l’impasto e stendetelo con il mattarello su un piano leggermente infarinato fino a raggiungere lo spessore di circa 1 cm. Imburrate e infarinate una teglia e rivestitela con la frolla. Farcite uniformemente con la marmellata di rabarbaro e decorate con i fili ricavati dalla frolla avanzata. Infornate in forno preriscaldato a 180°C per 40 minuti circa.
In un pentolino mettete a scaldare il latte con il baccello di vaniglia diviso a metà per il senso della lunghezza. A parte, con le fruste, lavorate tre tuorli con 100 g di zucchero fino a ottenere una crema liscia e corposa. Eliminate la bacca di vaniglia dal latte e unitelo ai tuorli. Trasferite il composto in una in un recipiente per la cottura a bagnomaria e fatelo addensare. Decorate la crostata prima di servire.

Cruciverba 29

Klik op het kruiswoord om hem te openen.
De oplossing vind je in de volgende nieuwsbrief!

cruciverba1

Orrizontale Verticale
1. Una di 500 metri si trova sul tetto della vecchia fabbrica FIAT. [5.5]
3. Sul retro di questa basilica c’è una lapide che ricorda la caduta di un aereo nel 1949 su questa collina sotto la basilica con i giocatori della squadra di calcio del Grande Torino. [8,2,7]
7. Marchio automobilistico dove la lettera T sta per Torino.
10. Poiché molti giocatori più anziani ci giocavano e il club era adorato come una donna, chiamano questa squadra di calcio ‘la vecchia signora’.
11. In questo modo sei protetto dal sole e dalla pioggia sui sentieri del centro città.
12. Questa era Torino prima di Firenze e Roma.
13. Non è del tutto certo se questa bevanda, che consiste in vino aromatizzato con erbe e piante aromatiche, sia originaria di Torino.
18. Questo quartiere ospita il Museo Arte Urbana (MAU), un museo a cielo aperto con murales di artisti moderni. [5,11]
19. Re e regine vivono in una casa del genere, a Torino ci sono più di venti.
21. Il fiume più lungo d’Italia (652 km).
23. L’invenzione torinese di questi pezzi allungati di pane secco che si trovano in tavola al ristorante è stata un successo grazie alla possibilità di conservarli per diverse settimane.
25. Puoi vedere solo un’immagine di questo pezzo di stoffa sacra; quella vera è conservata sotto in una cassa metallica. [5,7]
26. Questa bevanda torinese fa parte dell’amato cocktail di James Bond, “Shaken, not stirred”.
27. Questo evento “Slow Food” più grande e importante al mondo viene organizzato ogni due anni. [5,5]
28. Bellissimo museo del cinema con una delle collezioni più importanti al mondo, ospitato in un imponente edificio con uno spettacolare ascensore. [5,9,3,6]
2. Questo animale è il simbolo di Torino.
4. Anche questa casa, che prende il nome dalla moglie, è stata progettata da Alessandro Antonelli, È chiamata dai torinesi “Fetta di polenta”, e un lato è largo solo 54 cm.
5. Un cioccolatino torinese a forma di barchetta rovesciata fatto di cioccolato e nocciola e avvolto in carta dorata.
6. In questo edificio completamente ristrutturato di recente si può ammirare l’intera storia dell’auto italiana. [5,4,10]
8. Originariamente intesa come sinagoga, questa struttura prende il nome dall’architetto che ha progettato l’edificio, Alessandro Antonelli. [4,12]
9. Qui puoi vedere la più grande collezione di arte egizia al di fuori dell’Egitto. [5,6]
14. Questo mercato è conosciuto come il più grande d’Europa. [5,7]
15. Questo marchio di caffè del 1895 è famoso in tutto il mondo e ha persino un proprio museo.
16. Questa gelateria ha aperto il suo primo punto vendita a Torino nel 2003. Vende gelati “slow” senza conservanti e coloranti. Adesso c’è anche a Parigi, New York e Tokyo.
17. Il logo di questo marchio di abbigliamento torinese mostra due giovani che si danno le spalle.
20. Questa abitudine di stimolare l’appetito con una bevanda (alcolica) è nata a Torino.
22. Nel 2007 la prima filiale di questa catena di negozi di cibo italiano ha aperto a Torino, successivamente anche a New York, Chicago, Tokyo e Dubai.
24. Nel bar più antico (1763) di Torino si beve questo caffè con cioccolato.

Appels met kaneel uit de oven

Ingrediënten

  • Vier rijpe, gele appels
  • Kaneelpoeder naar smaak
  • Eventueel rietsuiker
  • Eventueel 50 gram pijnboompitten

Bereidingswijze

Was de appels goed, verwijder de steel en prik met een vork gaten in de schil van de appels. Op deze manier barsten ze niet tijdens het verwarmen.
Verwijder het binnenste met een klokhuisverwijderaar.
Plaats de appels in een ovenschaal en bestrooi met kaneel. Naar keuze voeg je ook nog een laagje suiker of ahornsiroop toe en de pijnboompitten in het binnenste van de appel.
Bak ze in een voorverwarmde oven op 200 graden gedurende 30-35 minuten.
De appels kunnen lauwwarm of op kamertemperatuur geserveerd worden.

Variaties en tips

Eventueel kun je een beetje broodkruimels, citroenschil, rozijn of slagroom toevoegen. Als je niet op dieet bent, serveer de appels dan warm in combinatie met vanille-ijs.

Una mela al giorno leva il medico di torno

Chi non conosce il detto? Questo perché le mele sono povere di calorie e ricche di fibre e contengono tantissime vitamine (B1, B2, B3, Follati, Vitamina A e Vitamina C) e minerali, in particolare il potassio. E siamo anche fortunate, perché possiamo trovare questo frutto a chilometro zero, visto che i Paesi Bassi sono ricchi di meli.
 
Un dessert light e buonissimo, ideale per chi è a dieta, visto che unisce le proprietà benefiche della mela a quella della cannella, spezia deliziosa che stimola la circolazione sanguigna, combatte il colesterolo, aiuta la digestione e rafforza il sistema immunitario.