Terza edizione olandese della “Settimana della Cucina Italiana nel Mondo”

In occasione della terza edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, l’Ambasciata dell’Aia organizzerà una serie di eventi di grande impatto mediatico per rilanciare l’immagine dell’Italia nei Paesi Bassi. Si tratta di un appuntamento annuale dedicato alla tradizione culinaria italiana all’estero, che intende esprimerne livelli qualitativi di eccellenza. La cucina è una delle componenti essenziali dell’identità e della cultura italiana, nonché uno dei segni distintivi del Marchio Italia. L’eccellenza della cucina italiana, incentrata sui sapori della tradizione culinaria regionale, sarà valorizzata in tutto il mondo dal 19 al 25 Novembre 2018.

Per la prima volta sarà protagonista del calendario anche Eindhoven, dove a Cucina Italiana sarà presente l’Ambasciatore Perugini per inaugurare un lungo calendario di appuntamenti basati sulla Carta di Milano creata nel 2015 durante Expo. Temi fondamentali su cui focalizzare le attenzioni sono la qualità, la sostenibilità, la cultura alimentare, l’identità ed il territorio. Sono previste oltre mille attività promosse dalle Ambasciate e dalle sedi diplomatico-consolari tra seminari, conferenze, corsi di cucina, convegni ed eventi. Per maggiori informazioni seguire l’hashtag #ItalianTaste, per gli appuntamenti a Cucina Italiana segnaliamo il focus sulla Sardegna: cena dedicata il 24 e corso di cucina il 28.

Per controllare tutte le iniziative cliccare qui: http://europe.trueitaliantaste.com/it

Sgroppino al limone

Un ottimo fine cena che genere si serve per pulire il palato dopo un pasto a base di pesce. Perfetto nei giorni di festa è normalmente servito come digestivo. La sua cremosità, unita al tocco alcolico e alla freschezza del limone è gradita a tutti. Per realizzarlo occorre un semplice frullatore, sorbetto al limone, prosecco e vodka. Lo sgroppino nasce nel Veneto e viene comunemente chiamato sgropin, risale al 1500 e nel tempo l’antica ricetta ha subito delle modifiche. In Sicilia viene preparato con vodka liscia e granita al limone, ma vi sono anche varianti alla fragola, al mandarino, al caffè, al pompelmo e senza alcool.

  • 2 palline di gelato o sorbetto al limone
  • 30 ml di vodka
  • 10 ml di Prosecco

Il primo passo per preparare lo sgroppino consiste nel montare il gelato al limone, con l’aiuto delle fruste elettriche oppure con una frusta manuale, fino ad ottenere una crema piuttosto spumosa. Successivamente aggregare al composto di gelato il prosecco, la vodka e il limoncello per conferire un sapore più inteso e piacevole. Mescola il tutto per amalgamare gli ingredienti e continua a montare. Si serve solitamente in un bicchiere alto e stretto, come un flûte o una doppia coppetta da cocktail, in quantità di 120-150 ml, preferibilmente con una guarnizione di limone.

Cruciverba 13

Klik op het kruiswoord om hem te openen.
De oplossing vind je in de nieuwsbrief van volgende maand!

cruciverba1

 

Orrizontale Verticale
1. Prodotto in polvere che si ottiene macinando il grano e
gli altri cereali.
4. Chi guida un veicolo, e specialmente un aereo o un’auto
da corsa.
6. Persona adulta di sesso femminile.
8. Non grande per dimensioni.
10. Che ha un sapore simile a quello dello zucchero o del
miele.
12. La parte del corpo umano e animale in cui stanno lo
stomaco e l’intestino.
14. Mammifero allevato in tutto il mondo per la carne, il
latte e la lana che produce.
16. Festa del 25 dicembre in cui si ricorda la nascita di
Gesù.
17. Terreno coltivato con fiori e piante ornamentali.
19. Metallo prezioso di colore giallo lucente.
20. Capo di uno stato monarchico, di un regno.
22. La testa intesa come organo e sede del pensiero.
25. Territorio completamente circondato dalle acque.
26. Movimento più o meno circolare.
29. Luogo in cui si producono prodotti industriali.
30. Spazio libero piuttosto ampio circondato da edifici,
all’interno di un centro abitato.
31. Che è in gran quantità, in gran numero.
32. Acqua che cade sulla terra sotto forma di fiocchi bianchi
formati da minuscoli cristalli di ghiaccio.
35. Costruzione fatta da più strati di pietre o mattoni messi
in fila.
36. Voglia di mangiare.
37. Attività che si svolge per svago durante il tempo libero.
39. Il pasto che si fa metà della giornata.
41. Odore gradevole.
43. Vasto giardino pubblico o privato con molti alberi.
44. Non facile da capire, complicato.
46. La madre di uno dei propri genitori.
47. Impiegato delle poste che consegna la corrispondenza
casa per casa.
48. Servizio pubblico che si occupa di spedire e consegnare
lettere e pacchi.
49. Sostanza molto dolce prodotta dalle api.
50. Edificio grandioso abitato un tempo da sovrani e nobili
e oggi usato per lo più come sede di musei ed edifici
pubblici.
51. Attività fisica o intellettuale rivolta a uno scopo utile o
che si svolge per ricavarci un guadagno.
52. Il satellite che gira intorno alla Terra.
53. Donna che ha dei figli.
54. La stagione più calda dell’anno, tra la primavera e
l’autunno.
1. La parte anteriore della testa umana, il viso.
2. Del colore più scuro che ci sia e di ciò che ha questo
colore.
3. Apertura da cui è possibile entrare in un edificio o in un
locale e anche il serramento di legno o altro materiale
che chiude e apre tale apertura.
5. Strumento per misurare il tempo.
7. Il più grande mammifero terrestre, caratteristico per la
lunga proboscide e per le grosse zanne.
8. Alimento da cuocere formato da un impasto a base di
acqua, farina e altri ingredienti.
9. Mammifero carnivoro selvatico simile al cane.
11. Che è completamente riempito o occupato.
13. Locale in cui si vende un qualche genere di merci.
15. Ciascuno dei dodici periodi in cui è diviso l’anno.
18. Apparecchio da bagno che spruzza l’acqua sul corpo.
21. Costruzione in muratura.
23. Albergo.
24. Somma di denaro necessaria per acquistare qualcosa.
27. Alimento che si ottiene cuocendo al forno un impasto di
farina e acqua.
28. Ciascuno dei 24 periodi di tempo di 60 minuti in cui
viene diviso il giorno.
30. Ciascuno degli strumenti (coltelli, forchette, cucchiai)
che si usano per mangiare.
31. Femmina adulta del bue.
32. Massa di vapore acqueo che si condensa vicino al suolo
formando una specie di nube.
33. Che ha poca carne, poco grasso intorno alle ossa.
34. Il senso che permette di sentire e distinguere i sapori.
38. Non vero.
40. Sostanza liquida untuosa, ricavata dai semi e dai frutti
di alcune piante o dai grassi di alcuni animali marini.
41. Costruzione che permette a una strada di superare un
corso d’acqua, uno stretto di mare o una vallata.
42. Formare idee nella mente, riflettere.
43. Recipiente da cucina, con due manici e coperchio, usato
per cuocere i cibi.
45. Giorno in cui si ricorda un avvenimento importante e in
genere non si lavora.
47. Rivestimento esterno del corpo umano e animale.

Sulla mia pelle di Alessio Cremonini

In occasione della 75ª Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia è stato presentato Sulla mia pelle di Alessio Cremonini come film di apertura della sezione “Orizzonti’’. Il dramma, basato su eventi reali, percorre gli ultimi sette giorni di vita di Stefano Cucchi, la cui vicenda ha scosso fortemente l’opinione pubblica. Il film tutto italiano racconta una grande tragedia: è la storia di un ragazzo di 31 anni di Roma, che nella tarda sera del 15 ottobre 2009 viene fermato dai carabinieri e trovato in possesso di alcune dosi di sostanze stupefacenti, hashish e cocaina. Il giorno successivo è condannato alla custodia cautelare e durante l’udienza mostra evidenti segni di botte, ha il volto gonfio ed è molto debilitato, ma nessuno pare prestarvi particolare attenzione. Una volta nel carcere Regina Coeli, le sue condizioni si aggravano ulteriormente, lui stesso rifiuta cibo e cure, finché muore nell’area di medicina protetta dell’ospedale Sandro Pertini il 22 ottobre 2009. La sua scomparsa non solo ha sconvolto la famiglia, ma ha dato origine a un caso di cronaca giudiziaria che ha coinvolto agenti di polizia penitenziaria, medici della struttura in cui era rinchiuso e carabinieri.

Il protagonista è il giovane attore Alessandro Borghi, il quale è dimagrito 18 chili, ha cambiato il modo di camminare, di parlare, di vivere, le sue movenze, per calarsi completamente nel ruolo. La sua interpretazione è stata magistrale e notevolmente elogiata dalla critica, il direttore della Mostra di Venezia, Alberto Barbera, ha definito il film «un impressionante lavoro di regia e interpretazione». Al fianco di Borghi, nella parte di Ilaria, la sorella di Stefano, c’è Jasmine Trinca, un bravissimo Max Tortora e Milva Marigliano, nel ruolo dei genitori di Stefano.

Il film di Cremonini si prefigge come unico scopo quello di raccontare con precisione e durezza i fatti per come si sono verificati, senza mai giudicare. Si è limitato a far rivivere al pubblico quei sette lunghi e dolorosi giorni, a renderlo partecipe dell’agonia, a restituire voce a qualcuno di cui nessuno si è preso cura. Nonostante il tema delicatissimo Sulla mia pelle riesce a rimanere imparziale nei fatti e nei dialoghi, tutti presi da testimonianze e atti processuali. Il film è uscito in contemporanea nelle sale cinematografiche italiane e in tutto il mondo sulla piattaforma Netflix, lo potete vedere anche in Olanda sottotitolato in lingua inglese.

Pasta alla cenere

(Per 4 persone)

Ingredienti:

  • Rigatoni 320 g
  • Gorgonzola dolce 180 g
  • Olive nere (denocciolate) 40
  • Panna fresca liquida 120 g
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

Preparazione

Per preparare la pasta alla cenere cominciate dalle olive. Versatele nel boccale di un mixer e frullatele grossolanamente. Potete realizzare la stessa operazione al coltello.
Dopodiché mettete sul fuoco una pentola d’acqua da salare a bollore, per cuocere la pasta e, mentre raggiunge il bollore, occupatevi del gorgonzola. Eliminate la crosta e tagliate a dadini. Poi versatelo in una padella insieme alla panna fresca liquida.
Accendete il fuoco dolce e lasciate sciogliere, mescolando di continuo con una paletta di legno. A questo punto cuocete la pasta; dovrete scolarla 2-3 minuti prima di quanto indicato sulla confezione. Quindi non appena sarà pronta, scolatela direttamente nel condimento.
Aggiungete un mestolo d’acqua della pasta e ultimate la cottura in padella mescolando spesso. A fine cottura unite il battuto di olive e mescolate per bene. Impiattate la vostra pasta alla cenere e servite con una grattata di pepe nero: buon appetito!

Insalata di riso

Ingredienten:

  • 300 gr Arboriorijst
  • blikje tonijn in olie (afgegoten)
  • 150 g trostomaten
  • 150 g Caciocavallo-kaas
  • 100 g gekookte ham in 1 plak
  • 80 g erwtjes
  • 75 g rode paprika
  • 75 gele paprika
  • 80 g zwarte olijven zonder pit
  • 80 g augurken
  • bieslook naar smaak
  • zout naar smaak

Bereiding:

Om dit gerecht op de klassieke wijze te bereiden kook je eerst de erwtjes in 3 minuten gaar in gezouten kokend water. Na het afgieten van de erwtjes kook je de rijst in hetzelfde water 2 minuten korter dan de kooktijd die staat aangegeven op het pak.

Ondertussen was je de paprika’s, haal je de pitjes eruit, snij je ze eerst in reepjes en vervolgens in blokjes, die je in een grote schaal doet waar alle andere ingrediënten ook bij komen.

Je wast de tomaten en snijdt ze in tweeën, schept de inhoud eruit met een lepeltje en snijdt ze in kleine blokjes. Ook de gekookte ham en de kaas snij je in kleine blokjes en de augurken en de olijven snij je in rondjes.

Giet de rijst af en laat deze afkoelen door hem op een grote, koude schaal te verdelen. Breng de gemengde ingrediënten op smaak met de gesnipperde bieslook en voeg vervolgens ook de afgekoelde erwtjes en rijst toe. Voeg tot slot ook de losgemaakte tonijn en de ham toe en breng op smaak met zout. Meng alles met een lepel.

Bedek de schaal met plasticfolie en zet hem in de koelkast, zodat de rijstsalade lekker koud is bij opdienen en de smaken goed gemengd zijn. De insalata di riso kan 2-3 dagen in de koelkast bewaard worden in een goed afgesloten plastic bak.

Eindhoven cosa vedere e cosa fare in 3 giorni nella città più creativa d’Olanda

Eindhoven mi ha presa per mano con delicatezza per poi trascinarmi in un turbinio di colori, di idee, di suggestioni e di possibilità che raramente ho trovato in una città. Soprattutto in una città così “piccola”, una città che con i suoi 250mila abitanti non è certo New York e neppure Londra. Eppure… eppure la sensazione è che il futuro sia proprio qui, tra i nuovi grattacieli e le biciclette che attraversano leggere la città, tra i vecchi stabilimenti Philips riqualificati e le aree verdi.

Lees verder

Fosdinovo, Albergo La Castellana

Nel 2015 mia figlia più giovane si è sposata a Eindhoven. Questo giorno avevamo una festa nel nostro giardino. Il giorno prossimo con le due famiglie siamo andati in Italia. Primo a Como ma dopo a Fosdinovo al mare nel Golfo di Genova, vicino alle Cinque Terre. Ci siamo fermati nell’albergo La Castellana, un albergo bellissimo situato su una collina e con un panorama molto bello sul Golfo di Genova. La mattina prendevamo la colazione godendo il panorama. La sera assaggiavamo la cena deliziosa con vino rosso o bianco. Le camere erano molte belle, grandi e pulite. Il sabato abbiamo visitato le Cinque Terre, cinque paesi vecchi e colorati lungo il mare, collegati con una ferrovia e un traghetto. È molto bello, ma anche molto turistico.

Mi ricordo che dicevo al personale che volevo praticare il mio italiano e loro approvavano e mi aiutavano. Insomma un’esperienza superba.

Quaggiù una foto del panorama:

Martien Smolders

Mascali in Sicilia

Naturalmente devi visitare la Sicilia. Puoi pernottare a casa Betulle, una casetta in montagna a 750 metri sull’Etna. L’alloggio è situato in una proprietà a circa 20 km da Taormina, Catania e la spiaggia, coltivata con ciliegi e ulivi, che ha una splendida vista sul Mar Ionio. La famiglia Foti ti accoglie a braccia aperte! Nelle montagne è favoloso godersi la natura, il cibo, la calma, la gente e quando vuoi un po’ più di attività, è possibile visitare delle belle città, la spiaggia, l’Etna, il mercato famoso di Catania, la bella vista di Taormina eccetera. https://www.airbnb.it/rooms/3259579

Ciao! Marita van Herpen

Insalata di riso

Ingredienti:

  • Riso Arborio 300 g
  • Tonno sott’olio sgocciolato 200 g
  • Pomodori ramati 150 g
  • Caciocavallo 150 g
  • Prosciutto cotto a cubetti 100 g
  • Pisellini 80 g
  • Peperoni rossi 75 g
  • Peperoni gialli 75 g
  • Olive nere denocciolate 80 g
  • Cetriolini sottaceto 80 g
  • Erba cipollina q.b.
  • Sale fino q.b.

Procedimento:

Per realizzare l’insalata di riso classica ponete sul fuoco una pentola colma di acqua salata e una volta che avrà raggiunto il bollore versate i piselli e sbollentateli per circa 3 minuti. Una volta trascorso questo tempo, scolateli e nella stessa acqua versate il riso: cuocerlo 2 minuti in meno rispetto ai tempi di cottura indicati sulla confezione.

Nel frattempo occupatevi del condimento: lavate i peperoni, eliminate il picciolo, i semi e tagliateli prima a listarelle e poi a cubetti e poneteli in una ciotola capiente dove raccoglierete tutti gli altri ingredienti.

Lavate e tagliate a metà anche i pomodori, scavate la polpa con un cucchiaino e tagliateli a cubetti. Tagliate a cubetti il prosciutto cotto e il formaggio, tagliate a rondelle i cetriolini sottaceto e le olive denocciolate.

Scolate il riso e lasciatelo raffreddare distribuendolo su un vassoio ben freddo.
Aromatizzate il condimento con l’erba cipollina tagliata a piccole rondelle, aggiungete anche i piselli e il riso che si saranno intanto raffreddati. Per finire incorporate i filetti di tonno sbriciolati e il prosciutto cotto, aggiustate di sale e mescolate con un cucchiaio.

Coprite la ciotola con la pellicola e lasciatela in frigorifero fino al momento di servirla così sarà ben fredda e i sapori si saranno amalgamati. Potete conservare l’insalata di riso in frigorifero chiusa in un contenitore ermetico per 2-3 giorni.