Piadina Romagnola

Volgens Giovanni Pascoli is de piadina “het brood, het eten van de Romagnoli”; in werkelijkheid was het dat vooral voor de armen. Hier is het meest eenvoudige recept, te bereiden naar ieder zijn smaak. In het binnenland van Romagna maakt men het deeg iets dikker, terwijl het aan de kust bij Rimini dunner wordt gekneed.

Ingredienten:

  • Witte bloem 500 gr
  • Reuzel 80 gr
  • Biergist 10 gr
  • Water
  • Zeezout

Bereiding:

Strooi de bloem in een fonteintje op een plank of in een grote schaal en schenk in het midden reuzel, zout, biergist en het water.

Kneed het deeg om een stevig homogene massa te krijgen, verdeel het in acht parten en laat het ongeveer één uur rusten onder een doek.

Na ongeveer een uur rol je de partjes uit tot rondjes van ongeveer 4 mm dikte. Ze worden aan iedere zijde enkele minuten gebakken in een koekenpan.

Eenmaal klaar kun je de piadina op veel manieren beleggen. Eén van de traditionele vullingen is met prosciutto crudo en mozzarella. Maar ook vegetarisch beleggen met squacquerone (roomkaas) en rucola is heerlijk. Om te variëren kun je de piadina bedekken met gerookte zalm en roze peperkorrels of met ansjovis en mozzarella.

Per il Tribunale dell’Unione Europea la vera piadina è solo quella romagnola

Sulla piadina il Belpaese ha litigato non poco, costringendo l’Ue a doversi esprimere, giungendo oggi alla conclusione che quella vera è solo quella romagnola. A dirlo non è un cittadino di Ravenna né un ferrarese, ma il Tribunale dell’Ue che pone fine a una diatriba squisitamente italiana. A Lussemburgo è stato stabilito a che la Piadina romagnola, prodotto certificato Igp (indicazione geografica protetta), va sempre preparata e farcita in Romagna, indipendentemente che si tratti di produzione industriale o artigianale.

La decisione costa cara a quanti producono pur sempre «made in Italy», ma oltre confine romagnolo. Il Tribunale dell’Ue, nel prendere la sua decisione, aiuta l’Italia a fare chiarezza respingendo il ricorso di un’azienda mantovana che chiedeva di annullare la denominazione «romagnola». Se vorrà ancora vendere i propri prodotti dovrà spostarsi in territorio romagnolo.

La sentenza del Tribunale Ue afferma l’esistenza di un legame con il territorio “in ragione di fattori umani”, indipendentemente dal fatto che si tratti di prodotti industriali o artigianali. I giudici sostengono che “grazie alle tecniche di fabbricazione della piadina trasmesse di generazione in generazione e grazie agli eventi socio-culturali organizzati dalla popolazione romagnola, il consumatore associa l’immagine della piadina al territorio della Romagna”.

Origine e storia della piadina romagnola.

Piadina Romagnola

Secondo Giovanni Pascoli è «il pane, anzi il cibo nazionale dei Romagnoli»; in realtà, lo era innanzitutto per i più poveri. Ecco la ricetta più semplice, da preparare secondo il vostro gusto; nella Romagna interna si prepara leggermente più spessa, mentre sulla costa, ad esempio nel riminese, è tirata più sottile.

Ingredienti:

  • Farina bianca 500 gr
  • Strutto 80 gr
  • Lievito di birra 10 gr
  • Acqua q.b.
  • Sale marino q.b.

Procedimento:

Mettete la farina a fontana su un tagliere o in un’ampia ciotola e versate al centro lo strutto, il sale, il lievito e l’acqua.

Lavorate l’impasto fino a ottenere un panetto sodo e omogeneo e dividetelo in otto parti da lasciare riposare un’ora circa coperti da un panno.

Dopo circa un’ora stendete gli otto panetti fino a ottenere dei cerchi di circa 4 mm di spessore. Vanno cotti in una padella di terracotta o antiaderente per pochi minuti per lato.

Una volta pronta può essere farcita in tanti modi diversi: uno dei ripieni tradizionali è con prosciutto crudo e mozzarella, ma anche la farcitura vegetariana con formaggio squacquerone e rucola è gratificante per il palato. Per variare, potete farcire la piadina romagnola con salmone affumicato e grani di pepe rosa, oppure con acciughe e mozzarella.

Bonet

Een typisch toetje om met lepel te eten van Piëmontese afkomst, om precies te zijn uit de Langhe, dat zich erg goed leent om te serveren als afsluiting van een uitgebreid diner op een feestelijk gedekte tafel.

Ingrediënten (voor 12 personen):

  • 100 gram bitterkoekjes (amaretti)
  • 50 gram bitter cacao
  • 160 gram eierdooiers
  • 700 ml melk
  • 150 gram suiker
  • 10 ml donkere rum

Voor de karamel:

  • 150 gram suiker
  • genoeg water

Bereiding:

Smelt de suiker met weinig water, verhit tot het een donkerbruine kleur heeft. Giet de karamel in de vormpjes.

Verkruimel de bitterkoekjes en meng met het cacaopoeder.

Klop de eierdooiers samen met de suiker met de hand op kamertemperatuur tot een luchtige massa.

Verhit de melk in een pannetje tot 95 graden Celsius.

Verwarm de oven voor tot 140º C.

Voeg het cacao- en bitterkoekjesmengsel met de rum toe aan de eierdooiers en homogeniseer het. Voeg de melk heel rustig toe terwijl je het mengsel blijft kloppen, giet het daarna in de vormpjes.

Kook ze au-bain-marie in de oven 34-40 minuten. Koel daarna in de koelkast.

Let op, het water mag niet koken. Ze zijn klaar wanneer ze loskomen van de vormpjes.

Cucina Italiana, la favola diventa realtà a Eindhoven


Giovanni Zorzolo & Ailén Gamberoni van Cucina Italiana

Cucina Italiana, dopo un anno e mezzo di attività in centro città a Eindhoven, si è appena trasferita a Strijp-S all’interno del Vershal het Veem. Ora lo studio è più grande e strutturato, con un ricco calendario di attività perfette per gli amanti della buona tavola e della cultura italiana.

Vi manca l’Italia? Siete ancora contenti della vostra scelta?

In molti ci fanno questa domanda: noi siamo davvero felici di aver scelto di vivere e lavorare in una città piena di energia positiva come Eindhoven. Non abbiamo quasi tempo di sentire la nostalgia per l’Italia, sinceramente ci mancano gli amici e la famiglia, ma siamo sicuri sia un posto ideale per andare in ferie, mentre per fare buoni affari è molto meglio l’Olanda.

Vi piace vivere e lavorare a Strijp-S?

Ci è piaciuto moltissimo abitare in Smalle Haven nella bellissima via con i giardini verticali, ma il nostro studio stava diventando troppo piccolo per noi. Per questo motivo abbiamo accettato la proposta di prendere uno spazio tutto nostro all’interno del Vershal. Strijp-S ci è sempre piaciuto come quartiere, però non era ancora pronto per noi e neanche noi eravamo ancora pronti per trasferirci. Ora è il momento perfetto: l’atmosfera è vivace e frizzante e ogni giorno scopriamo qualcosa di nuovo e sorprendente.

Quali sono le novità nella nuova Cucina Italiana 2.0?

La formula che vince non si cambia: vogliamo sempre farvi sentire a casa. Ogni mese verrà dedicato ad una regione diversa, con cene a tema con piatti e vini tipici. Aprile è il mese delle delizie pugliesi (corso giovedì 12 e cena il venerdì 13), maggio ai sapori del Piemonte (corso di cucina il 10, cena il venerdì 18 e 25), giugno alla Toscana. Non mancheranno le cene con conversazione in lingua italiana con la nostra Yvette – il 3 e 17 maggio e 14 giugno – e non vediamo l’ora di partire con il rito dell’aperitivo all’italiana. Sarà anche possibile comprare prodotti gastronomici freschi come pasta, sughi, dolci e tanto altro. Continuiamo a cucinare con passione e amore, tentando il più possibile di utilizzare prodotti locali a chilometro zero, come le trote dell’agricoltura idroponica al terzo piano. Vi aspettiamo!

Bonet

Tipico dolce al cucchiaio di origine piemontese, per la precisione delle Langhe, ottimo da servire come coronamento di un lauto pasto, magari sulla tavola imbandita in occasione di una festa o ricorrenza.

Ingredienti (per 12 porzioni):

  • 100 gr amaretti
  • 50 gr cacao amaro
  • 160 gr tuorlo
  • 700 ml latte
  • 150 gr zucchero
  • 10 ml rum scuro

Per il caramello:

  • 150 gr zucchero
  • qb acqua

Preparazione:
Fondere lo zucchero con poca acqua, fino ad ottenere un colore marrone scuro. Versare il caramello negli stampi.

Tritare gli amaretti e unirli al cacao in polvere.

Sbattere a mano i tuorli a temperatura ambiente con lo zucchero.

Scaldare in un pentolino e portare il latte alla temperatura di 95 gradi.

Preriscaldare il forno a 140° C.

Aggiungere la miscela di cacao e amaretti, il rum e rendere il composto omogeneo. Inglobare il latte a filo frustando il composto, poi versarlo negli stampi.

Cuocere in forno a bagnomaria per 34/40 min. Far raffreddare in frigorifero.

N.B. L’acqua non deve mai bollire. Saranno pronti quando si staccano dallo stampo.

Maïsmeelkoekjes

Traditionele koekjes zijn het lekkerste om te herontdekken, zoals deze maïsmeelkoekjes: heerlijke spritsen op basis van boter en maïsmeel. Een specialiteit uit Piëmonte, lekker bij het ontbijt of als afsluiting van het diner met een glaasje wijn erbij.

Ingrediënten (voor ongeveer 40 koekjes)

  • 250 g koude boter in blokjes gesneden
  • 250 g 00-bloem
  • 130 g fijne maïsbloem
  • 110 g kristalsuiker
  • 1 ei
  • 1 eidooier
  • Het merg van een half vanillestokje
  • geraspte citroenschil van 1 citroen
  • 1 mespuntje zout

Bereiding

Om het deeg te maken, doe je de 00-bloem, de maïsbloem, de suiker en het vanillemerg in een kom.

Meng deze met een lepel tot één geheel.

Voeg de blokjes koude boter en de citroenrasp toe en begin te kneden. Als je een mixer gebruikt, laat deze dan op een lage snelheid draaien om een niet te vast deeg te krijgen. Voeg het ei toe, de eidooier en het zout en blijf kneden tot je een zacht deeg hebt.

In deze fase is het belangrijk om op de dikte van het deeg te letten; het moet niet de zacht zijn (anders lopen de koekjes uit tijdens het bakken), maar ook niet te hard (omdat je het deeg dan niet meer kunt verwerken met de spuitzak).

Doe het deeg in een spuitzak met een stervormige spuitmond van 15 mm. Vorm daarmee kroontjes van ongeveer 5 à 6 cm op bakpapier, verdeeld over twee bakplaten. Houd wat ruimte tussen de koeken.

Bak de maïsmeelkoekjes in de oven op 180° gedurende ongeveer 15 minuten of totdat ze licht goudbruin zijn. Haal ze uit de oven en laat ze helemaal afkoelen voordat je ze serveert.

Cruciverba 12

Klik op het kruiswoord om hem te openen.
De oplossing vind je in de nieuwsbrief van volgende maand!

cruciverba1

 

Orrizontale Verticale
1. Il numero di stagioni in un anno
5. D’Artagnan è il … moschettiere
7. E’ fortemente collegato alla sfortuna
9. Venti meno sette fa …
11. Le mongolfiere di Nena più uno
14. Il numero stradale della Via Aurelia
17. Domenica è il … giorno della settimana
18. L’Italia ha organizzato due volte i Giochi Olimpici Invernali; la prossima volta sarà la …
21. Una dozzina
22. Quante regioni ha l’Italia?
23. Qual è stato il numero di maglia di Ronaldinho nel 2008 all’AC Milan?
25. In quale secolo a.C. gli etruschi si stabilirono in Italia?
27. LXX
29. Grazie …
30. A che età si diventa maggiorenne in Italia?
33. Cinque per due è uguale a …
34. Quante vie ci sono dopo un bivio?
35. Quanto per cento della popolazione italiana è cattolica?
37. Nella lista delle più grandi città d’Italia c’è Venezia a questo posto
38. Giovanni Leone era il … presidente della Repubblica Italiana
39. Di quante migliaia di baci canta Adriano Celentano?
2. Qual è il numero dell’Apollo con cui l’uomo è stato sulla luna per la prima volta?
3. Quante persone formano un trio?
4. Le quattro del pomeriggio sono le ore …
6. Quante zampe ha un ragno?
8. Quanti milioni di abitanti ha l’Italia?
9. Il prefisso internazionale per le chiamate telefoniche in Italia
10. L’Italia è il … Paese più visitato nel mondo
11. Quanti modi ci sono secondo Paul Simon per liberarsi dal tuo partner?
12. Tre al quadrato
13. In Italia si mangia questo piatto dopo l’antipasto
15. La vita inizia a questa età
16. Il numero di Johan Cruijff
17. È arrivato dopo il vincitore ed è quindi …
19. Di quanti secondi canta l’artista senegalese Youssou N’Dour?
20. Quanti italiani vivono a Eindhoven nel 2018?
24. Il titolo del primo album della cantante inglese Adele
26. L’Arno è l’ … fiume più lungo d’Italia
28. Quanti giorni ha il mese di giugno?
31. Quante stelle conta il Movimento di Beppe Grillo?
32. Quanti minuti ci sono in un quarto d’ora?
33. Alice è il … nome femminile più usato in Italia
36. Uno più due più tre

Il monologo di Favino che ha emozionato Sanremo 2018

Uno dei momenti più memorabili durante lo scorso 68esimo Festival di Sanremo non è stata una canzone, bensì l’interpretazione magistrale dell’attore Pierfrancesco Favino dell’opera “La notte poco prima della foresta”, scritta dal drammaturgo e regista teatrale francese Bernard-Marie Koltès. Si è trattato di un monologo di neanche cinque minuti dove il personaggio che recita è un uomo straniero che parla delle sue difficoltà di adattamento e dell’accoglienza che gli riservano le altre persone. L’interpretazione di Favino, che aveva già recitato il monologo in alcune serate da solista al teatro Ambra Jovinelli di Roma, è stata a detta di molti uno dei momenti più belli dell’intera serata di Sanremo. Oltre alla bravura dell’attore, erano presenti anche alcuni fatti di cronaca dell’ultimo periodo legata agli episodi di Macerata, dove si era appena tenuta una partecipata manifestazione per protestare contro i movimenti neofascisti e razzisti. Lo straniero, nel monologo, racconta la sua ricerca di un posto in cui sentirsi finalmente a casa, e dell’impossibilità di raggiungerlo. Spiega di essere stato allontanato da tutti i posti in cui aveva deciso di fermarsi: ogni volta gli è stato detto che non poteva stare lì, e che per lavorare sarebbe dovuto andare da qualche altra parte. Niente musica ed un palco al buio, un momento altissimo, che ha commosso gli spettatori di tutto il mondo, confermando ancora una volta in più lo strabiliante talento dell’attore italiano che ha spiegato di “essere innamorato di questo testo perché non dà risposte, ma crea immagini ed emozioni. Racconta una storia che riguarda tutti, il bisogno estremo degli altri, dello stare insieme e, al tempo stesso, l’insofferenza dello stare insieme”. La scelta del monologo è stato un “mettersi veramente a nudo nei confronti del pubblico: ci sono io e gli spettatori in sala”. Forse per questo mentre lo recitava aveva le lacrime agli occhi.

Biscotti di meliga

I biscotti della tradizione sono i più buoni, tutti da riscoprire, come le paste di meliga: deliziosi frollini al burro con farina di mais. Una specialità piemontese da gustare a colazione, ma anche a fine cena accompagnati da un bicchiere di vino.

Ingredienti (per circa 40 biscotti)

• 250 g di burro freddo
• 250 g di farina 00
• 130 g di farina fioretto di mais
• 110 g di zucchero semolato
• 1 uovo
• 1 tuorlo
• 1/2 bacca di vaniglia
• la scorza di 1 limone grattugiata
• 1 pizzico di sale

Procedimento

Per preparare le paste di meliga versare in una ciotola la farina 00, quella di mais, lo zucchero semolato e i semi di vaniglia. Mescolate con un cucchiaio per amalgamare.

Aggiungere il burro tagliato a cubetti e la scorza di limone grattugiata. Iniziare a impastare, se usate la planetaria, impastate a bassa velocità con la frusta, fino a ottenere un composto non troppo compatto. Unire l’uovo, il tuorlo e il sale e impastate fino a ottenere un impasto morbido.

In questa fase è fondamentale fare attenzione alla consistenza dell’impasto che non dovrà risultare troppo tenero (o i biscotti si scioglieranno in cottura), ma nemmeno troppo duro (altrimenti sarà impossibile spremerlo con la tasca da pasticciere).

Trasferite l’impasto in una sac à poche con bocchetta a stella da 15 mm e formate delle corone di circa 5-6 cm di diametro direttamente su due teglie foderate di carta forno. Dovranno essere ben distanziate.

Cuocere le paste di meliga nel forno a 180° per circa 15 minuti o fino a leggera doratura. Sfornare e far raffreddare completamente prima di servire.